2021 - un'estate MSUgica

Key words: socializzare, conoscere, scoprire





Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image


Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

DA SCUOLA+MUSEO A SCUOLA ESTATE: STORIA DI UN ANNO INSOLITO E DI INSOLITE OPPORTUNITÀ

L'anno scolastico 2020/2021 è stato molto insolito: il Museo è riemerso dal lungo periodo di chiusura causato dalla pandemia da Covid19 solo verso la fine di aprile, mentre scuole e istituti d'insegnamento hanno dovuto rimandare ogni uscita e concentrare i propri sforzi prima sulla D.A.D., e in seguito sulla ripresa dell'insegnamento in classe.

Quando dunque si è tornati a vivere le attività in presenza, non è stato possibile fare leva su tempistiche e risorse adeguate per attivare un progetto co-creativo Scuola+Museo. MSU non voleva però perdere l'opportunità di condividere con i giovani studenti gioiosi momenti alla scoperta della scienza; è quindi stata colta volentieri l'occasione di partecipare al progetto Scuola Estate proposto dal Ministero dell'Istruzione, prima con la scuola ITIS Cardano di Pavia e in una seconda fase in collaborazione con la Civica Scuola d’Arte di Pavia Ar.Vi.Ma.

Come richiesto dal progetto, le attività si sono concentrate su percorsi volti a facilitare esperienze di socializzazione nonché un approccio naturale ai contenuti museali, e, nel caso del lavoro svolto a luglio con Ar.vi.ma., all’arte e alla loro commistione. Tutte le attività sono state pensate appositamente per il giovane pubblico, composto sia da gruppi di età e provenienze simili che da gruppi molto più eterogenei, e calibrate su necessità e desideri espressi in itinere.

Il percorso con l'ITIS Cardano ha permesso agli studenti di cimentarsi, a giugno, con laboratori di videomaking, che hanno fornito loro gli strumenti per la preparazione di bei storytelling museali. Il lavoro sullo storytelling è poi proseguito, spostando però il focus da racconti del museo a storie personali dei partecipanti: con il Teatro degli Oggetti, i ragazzi hanno avuto modo di parlare di sé in ambito non virtuale, di condividere momenti buffi, emozionanti, ispiratori, e di cominciare a gettare le basi per il superamento di barriere emotive e sociali. Queste attività sono state ben accompagnate dalla "Guerra delle Correnti", gioco di ruolo proposto dal game master e basato su vicende storiche ed esperimenti scientifici, e dal gioco di ruolo a carte del museo "Cathedraticus".

Le proposte di luglio sono state invece pensate per aiutare i piccoli partecipanti, di scuole e classi differenti, ad avvicinarsi ad argomenti a volte percepiti come ostici. Sono stati, ad esempio, associati safari fotografici alle visite di benvenuto alle collezioni museali. Questo ha permesso ai collaboratori Ar.Vi.Ma. di introdurre, nei giorni successivi, i partecipanti alla rielaborazione artistica e personale delle immagini scientifiche, a partire dai propri scatti. Sono stati proposti laboratori che hanno toccato diversi ambiti della conoscenza, dall’astronomia (Sole, meridiane, trovare il Nord con un orologio…), alla fisica (elettrizzazione dei corpi, ricostruzione della pila di Volta, esperimenti giocosi sulla pressione e sul vuoto, altri su luce e colore…), alla geologia (osservazione di pietre laviche e attività di riconoscimento), alla medicina (ricomposizione dello scheletro umano), senza trascurare la comunicazione (laboratorio di elaborazione della notizia scientifica e di social media).

A queste attività sono state inframezzate proposte più spiccatamente ludiche ma con forte intento educativo, come il Teatro degli oggetti, i giochi di carte museali Cathedraticus e MeMuseo, incentrati su personaggi e oggetti del museo, e l’uso di visori per Realtà Virtuale/Aumentata per la scoperta della scienza in ambienti interamente o parzialmente virtuali. Per rendere le attività più varie e rispondere alle naturali necessità di movimento dei piccoli partecipanti, sono inoltre stati proposti il Gioco dell’Oca Spallanzana (incentrata sui molti viaggi di Lazzaro Spallanzani), il mimo museale, scalpo museale e affini.

Aprile 2021 - alternanza scuola lavoro

gioco di ruolo "la guerra delle correnti"

L'approccio ludico ben si sposa con l'insegnamento della fisica; in questa collaborazione tra Museo e ITIS Cardano - Liceo delle Scienze Integrate (Alternanza Scuola Lavoro), il game master Andrea Zamboni guida gli studenti della classe 5 BLS in una sessione del suo nuovo gioco di ruolo "La Guerra delle Correnti".

Che i giochi abbiano inizio...